“Silvio non mi invita più”: la drammatica solitudine di Emilio Fede

Immagine

Scritto per http://www.lolingtonpost.it/2013/05/14/la-solitudine-di-emilio-fede/

Maggio 2013, luogo: segreto, stato d’animo: empatico.

Questa è una storia molto toccante, suggerisco ai soggetti particolarmente sensibili di cambiare lettura se  non vogliono ritrovarsi col lenzuolone a soffiarsi il naso.
Mentre state là fuori a lamentarvi della crisi, delle tasse, di un Governo che va a fare le scampagnate, delle ferie che non arrivano, del lavoro che non c’è, di chi spezza gli spaghetti e del caldo troppo caldo… C’è un uomo che soffre.  Emilio Fede.

«Su di me bugie. E Silvio non mi invita più»

Approfitta del processo Ruby per ribadire la sua verità: “Non sapevo fosse minorenne, dimostrava 28 anni”.  E rimarca la credibilità delle sue parole: “Non sono io a dire che sono bugie, ma Berlusconi, Mora e la stessa Ruby”. Quindi un bugiardo cronico, un tizio al soldo del bugiardo cronico e una che ha scucito quasi 5 milioni di euro al bugiardo cronico. Come non credergli? Nel fiore della giovinezza, 81 anni, si ritrova a casa da solo come un pensionato qualunque. Immaginiamolo nel buio della sua cameretta, mutanda ascellare, canottiera bucata e tv accesa su un vecchio filmino ad Arcore. Dallo stereo le note di Apicella.

Eppure ha dato tanto al Paese: 

– ha intrattenuto le nonne di almeno 4 generazioni con servizi lievemente faziosi;
– ha fornito un termine di paragone negativo per chiunque volesse fare il giornalista: “Sì, ma impegnati, non vorrai mica essere il nuovo Fede?”;
– è stato un Case Study nelle più famose università del mondo sul tema: “Come un uomo che sembra apparentemente senza qualità si rivela realmente senza qualità”;
– è stata una presenza fissa di “Blob” per almeno 2834 puntate;
– ha avuto la faccia tosta di definire un guadagno mensile di 20mila euro una cifra incongrua;
– ha messo in imbarazzo dalle 12 alle 14 razze canine che si sono sentite affiancare al soggetto ivi trattato;
– si è speso nel contrabbando di fette di prosciutto per gli occhi dei fedelissimi del Tg4;
– ha inveito contro tecnici e registi della tv pubblica e privata;
– ha sfoggiato genuflessioni al cospetto di Silvio che richiedono un’elasticità muscolare non indifferente (ore e ore di stretching);
– ha reso possibile il luogo comune nonni-tg poco credibili a cui crederanno solo i nonni;
– responsabile della rimozione forzata del tasto 4 da milioni di telecomandi.

Nonostante ciò l’Italia si dimostra indegna e non dà merito a gente come Emilio, confermandosi poco adatta ai giovani con esperienza, come accade al nostro amico.  Mi chiedo come possiate dormire sonni tranquilli, sapendo che là fuori c’è una persona che non riceve più inviti per festini trash che andranno a ingolfare il sistema giuridico italiano per anni. Prima o poi pagherete per tutto questo dolore. Qualcuno ha reso possibile la ghettizzazione di una persona perbene che amava semplicemente essere servizievole col datore di lavoro.
Nell’attesa che queste brutta vicenda si sistemi, fatemi un favore, stasera aggiungete un posto a tavola, una statuetta di Priapo come segnaposto, due mignotte sul divano e chiamate Fede: “Ti aspettiamo”.

Annunci

Salvate il soldato Emilio #FreeFede

Un esodato eccellente

Il post è satirico dalla prima all’ultima parola, Grazie.

Ultimamente mi sono imbattuta in un utente Twitter che desta preoccupazione. Malinconico, triste, afflitto, tetro e con la lacrima da Pierrot sulla guancia. Scorri la sua TL e la spensierata espressione che ti accompagnava svanisce, dopo 5 minuti credi che la vita faccia schifo e che non sei  più degno di stare sulla Terra. Se resisti ed arrivi a 10 minuti di lettura chiami la bisca sotto casa e proponi un giro di roulette russa con 6 pallottole su 6. Vuoi essere certo di crepare.

Ed Emilio è lì, ci ricorda i suoi trascorsi lavorativi ed intreccia tweet-corrispondenza con finti compiacenti twitteri che gli danno corda. Io sono preoccupata, davvero. Ha una certa età e certi dispiaceri potrebbero essere fatali.

Vi riporto e commento alcuni suoi tweets, ma prima di ciò dovete sapere che Emilio si fa le domande da solo. Se Marzullo sapesse che il metodo da lui sperimentato nel corso degli anni viene diffuso anche sui social ne sarebbe orgogliosissimo.  Quindi, avvisatelo.

Lo sapete che Emilio sta scrivendo un libro? Ce lo anticipa qui, copertina in pelle umana, al modico prezzo di 59,99 con in regalo un fantastico gadget, una lingua felpata:

@Nonleggerlo sono contento che sia stata assolta.a lei dedicherò un capitolo del mio libro..da lele mora ad oggi ..

@fattoquotidiano il mio prossimo libro non Sara gossip ma il giornalismo protagonista

E poi lo sapevate che è una persona sensibile? Lui affida a twitter un pensiero notturno che trasuda delusione, solitudine ed un pacco da 10 di lamette. Alle 4:19 lui non dorme, è lì in camera che riflette sulla cena andata male

@emilio_fede non riesco a dormire ..mortificato da una cena A forte anziché da amici simpatici a mima solo come un fesso a milano

@emilio_fede voglia di solitudine dopo una cena deprimente e torno a milano

E voi, 4mila e più followers stronzi nemmeno una parola di conforto, quella dolce pacca sulla spalla di cui tutti almeno una volta nella vita abbiamo avuto bisogno. So moving.

Ogni tanto appaiono messaggi in codice, non voglio credere si tratti di un mancato “blocco tasti”. Ecco un fulgido esempio:

@emilio_fede bbb

@emilio_fede o

Cosa significheranno? bbb è forse il rating di un Paese europeo? Un codice per l’accesso alla cassaforte di Berlusconi? Ma soffermiamoci sulla “o”.  Potrebbe essere rimasto a bocca aperta 😮 di fronte a fatti sconvolgenti che ci rivelerà nel suo libro. Io lo comprerò. Altro che sfumature di Grigio. 50 sfumature di Faith.

Ma andiamo avanti. Il lavoro di analisi è lungo.  Qui prova a riciclarsi come meteorina, con tanto di push up e shorts giro chiappa. Un dubbio mi attanaglia: c’avrà preso?

@PaoloChiparo su Milano in arrivo bufera di tipo tropicale ..cielo nero vento caldo

Ma adesso, preparate i fazzoletti e cercate di farvi forza.

@emilio_fede ho. chiamato un collega diventato direttore grazie a me..ha risposto ti parlo fra pochi minuti..sono passati due mesi..

Non so chi tu sia bruto di un Direttore, ma lasciarlo aspettare due mesi dimenticando chi ti ha aiutato è così vile da non meritare commenti. E così anche Emiliuccio sperimenta il detto da smemoranda “ridi e rideranno con te, piangi e piangerai da solo”.

..mi rattrista ma non stupisce il silenzio di tanti politici e colleghi ..anche di quelli che mo devono tutto

Tutti a preoccuparsi di un atto sconsiderato di Schwazer e nessuno a spendere una parola per Emilio Fede, decine di messaggi lasciati nel vuoto. E sentitevi in colpa se un giorno dovesse accadere l’irreparabile. Ne parlerebbero tutti: “Fede lasciato solo dai suoi followers, Una storia triste”. E decine di coccodrilli con la colonna sonora di Goodbye Philadelphia.

Qui inizia a cedere, crede di essere Paolo

@emilio_fede ciao Paolo qui non si alza polvere

Finalmente una sferzata di vita, si parla di isole e locali notturni, sono contenta per te Emilio, Futtitinni*! Chi non ti apprezza non ti merita! Nell’ultimo potrete notare anche una breve recensione, senza offendere eh!

 non viene a Milano marittima..in forse per formenterA. ..siete ancora al just ?

da vestivamo alla marinara al twiga alla capannina alle cene sulla spiaggia al beach club forte restA..forte

da anni capri dove ho casa e forte dei marmi sono rifugio sicuro della estate..senza togliere meriti ad altri

Fede rivela le proprie preferenze in fatto di giornali, da allora Luca Telese ha preferito scappare a gambe levate e fondare un giornale per fatti suoi. Non è un caso. Ed anche Travaglio non si sente molto bene.

@emilio_fede se dovessi scegliere un giornale per dire quello che vorrei scegliere..Il fatto

@emilio_fede che strana giornata non solo per il clima..mi sento meno solo..solo .. il fatto quotidiano si ricorda che attendo giustizia

Adesso il momento più toccante, commentarlo sarebbe come togliere poesia ad un momento tenero ed assolutamente unico, che anima pura

@emilio_fede confesso che qualche notte deserta mi affaccio a vedere da fuori la sede del tg4..e mi prende la commozione

Vi siete commossi? Io lo immagino più o meno così:

 

Fede fuori dagli studi del Tg4

E per concludere, l’ultimo messaggio(augurandomi non molli mai la presa) #FreeFede :

 non resto dietro le quinte..ho ancora molto da dire

Ad Emilio va bene stare anche dietro le terze.

Ma, un attimo, intravedo un pensiero positivo:

vogliamo vivere ..vogliamo vivere ..cosi non e’ vita..ricordate e ripetete con me ..vogliamo vivere !!!!!

Giubilo! Non intende farla finita, sapevo che non mi avrebbe deluso. Fede sei tutti noi, i comunisti la pagheranno.

[ATTENZIONE: L’autrice è stata costretta ad interrompere 9 volte la stesura del post causa lacrime agli occhi. Commossa? No, divertita]

*fregatene

PS: Spero fortemente si tratti di un fake, non può essere quello vero.